Prometeo

Da wiki2.
(Differenze fra le revisioni)
(Creata pagina con '==5000 anni di storia== Il progresso ha realizzato meraviglie. Nello spazio di un secolo, gli abitanti del pianeta sono triplicati, le ricchezze prodotte sono state moltiplica...')
 
m (case matrifocali)
 
(5 revisioni intermedie di un utente non mostrate)
Riga 14: Riga 14:
 
*[http://matricien.org/essais/citations-matriciens/ Citazioni di esponenti del movimento ''Matricien'']
 
*[http://matricien.org/essais/citations-matriciens/ Citazioni di esponenti del movimento ''Matricien'']
  
==case matrifocali==
+
==Case matrifocali==
 
Vi segnalo anche dei begli esempi di case "matricien" (matrifocali):
 
Vi segnalo anche dei begli esempi di case "matricien" (matrifocali):
<br>
 
{| align=left
 
|- valign=top
 
|[[Immagine:Cinque.jpg|16px|Links di ortosociale.org]]
 
|}
 
 
*[https://www.facebook.com/media/set/?set=a.411630365521366.105529.208681925816212&type=3 Case Matrifocali]
 
*[https://www.facebook.com/media/set/?set=a.411630365521366.105529.208681925816212&type=3 Case Matrifocali]
 +
 
==Una Società Parallela==
 
==Una Società Parallela==
 
* ''Per creare una società parallela in tutta legalità: territori quasi-autonomi, mercati locali, valute locali, governo locale, la finanza senza tassi di interesse ... Per risolvere efficacemente tutti i problemi sociali: demografia, pensioni, precarietà e solitudine, conflitti familiari, il mercato del sesso ... Per creare solidarietà e coesione in una popolazione atomizzata che ha a che fare con gli stati e le banche, che sono le due tenaglie che riducono in schiavitù i popoli. Per ricreare dei corpi intermedi, fra l'individuo e la nazione, il cittadino e lo Stato, per ripristinare una società basata su clan modernizzata. Il Progetto Prometeo è immediatamente applicabile. Non si deve prendere il potere per essere completato. Basta creare un certo tipo di diritto associativo del 1901, un contratto di associativo di solidarietà, e confederare queste Famiglie Elettive Associative in una struttura piramidale, la Società confederale segmentale, gestito da una costituzione ispirata dalle democrazie tribali."" ......""Al di là del matriarcato e del patriarcato: Il progetto Prometeo è quello di definire la famiglia come una libera associazione (legge 1901), le Familie Elettive Associative. E una rivoluzione nel diritto di famiglia, e una radicale semplificazione di tutta la legislazione.  La Familia Elettiva Associativea è compatibile con il nucleo familiare (mamma + papà: il matrimonio), ma può creare altre forme di nuclei familiari su misura per le aspirazioni individuali, assicurando nel contempo la coesione e la sicurezza, pertanto reciproca.''
 
* ''Per creare una società parallela in tutta legalità: territori quasi-autonomi, mercati locali, valute locali, governo locale, la finanza senza tassi di interesse ... Per risolvere efficacemente tutti i problemi sociali: demografia, pensioni, precarietà e solitudine, conflitti familiari, il mercato del sesso ... Per creare solidarietà e coesione in una popolazione atomizzata che ha a che fare con gli stati e le banche, che sono le due tenaglie che riducono in schiavitù i popoli. Per ricreare dei corpi intermedi, fra l'individuo e la nazione, il cittadino e lo Stato, per ripristinare una società basata su clan modernizzata. Il Progetto Prometeo è immediatamente applicabile. Non si deve prendere il potere per essere completato. Basta creare un certo tipo di diritto associativo del 1901, un contratto di associativo di solidarietà, e confederare queste Famiglie Elettive Associative in una struttura piramidale, la Società confederale segmentale, gestito da una costituzione ispirata dalle democrazie tribali."" ......""Al di là del matriarcato e del patriarcato: Il progetto Prometeo è quello di definire la famiglia come una libera associazione (legge 1901), le Familie Elettive Associative. E una rivoluzione nel diritto di famiglia, e una radicale semplificazione di tutta la legislazione.  La Familia Elettiva Associativea è compatibile con il nucleo familiare (mamma + papà: il matrimonio), ma può creare altre forme di nuclei familiari su misura per le aspirazioni individuali, assicurando nel contempo la coesione e la sicurezza, pertanto reciproca.''
Riga 28: Riga 24:
 
*Nasce una società mutualista, autogestita, democratica, e unita nell'indipendenza
 
*Nasce una società mutualista, autogestita, democratica, e unita nell'indipendenza
 
"matricien" è un termine preso dal Vico (forse si può tradurre con "matrifocale"). L'importanza di questo progetto è di agire in profondità nel tessuto famigliare, oggi cristallizato e in crisi. Il mio punto di vista è che si debba conoscere e utilizzare la antropologia culturale da cui derivano istituzioni come il matrimonio e lo stato e la sociologia critica per fondare nuovi/antichi processi di relazione umana. Questo progetto si inserisce in un movimento a TUTTI i livelli, famigliari, politici, economici, ambientali. Il fatto di far parte di famiglie elettive moderne associative ci permetterebbe di resistere e partecipare con determinazione e gioia alla transizione in atto. Si lega a progetti di ecovillaggi.
 
"matricien" è un termine preso dal Vico (forse si può tradurre con "matrifocale"). L'importanza di questo progetto è di agire in profondità nel tessuto famigliare, oggi cristallizato e in crisi. Il mio punto di vista è che si debba conoscere e utilizzare la antropologia culturale da cui derivano istituzioni come il matrimonio e lo stato e la sociologia critica per fondare nuovi/antichi processi di relazione umana. Questo progetto si inserisce in un movimento a TUTTI i livelli, famigliari, politici, economici, ambientali. Il fatto di far parte di famiglie elettive moderne associative ci permetterebbe di resistere e partecipare con determinazione e gioia alla transizione in atto. Si lega a progetti di ecovillaggi.
==Marinaleda in Spagna==
+
==L'ultimo viaggio di Francesca Rosati Freeman tra i Moso Luglio 2012==
 
+
Francesca Rosati Freeman: Sono di ritorno dal paese dei Moso dove sono stata quasi due mesi a cercare di realizzare un progetto che accarezzavo ormai da due anni: un documentario il più completo possibile sulla loro cultura. In realtà in questi ultimi sette anni la mia principale attività è stata orientata verso lo studio e la ricerca di valori altri che per finire hanno marcato la mia stessa vita. Il modo in cui sono stata attirata dalla società dei Moso, il mio primo piccolo documentario amatoriale del 2006, il mio primo libro "Benvenuti nel paese delle donne", le molteplici presentazioni cui sono stata chiamata a fare, i bellissimi incontri e le carissime amicizie che ho tessuto in questi ultimi anni, mi facevano pensare a qualcosa voluta da un altro qualcosa che non riuscivo a controllare. Mi lasciavo semplicemente trasportare dalla corrente e cercavo di approfittare di tutta questa grazia che mi pioveva addosso. Le persone più care però mi dicevano che era la mia passione per questo soggetto e tutti gli sforzi per farlo conoscere che meritavano di essere ricompensati. Il mio ultimo progetto-documentario invece è stato di difficile realizzazione. L'insufficienza di mezzi finanziari a mia disposizione mi ha fatto scegliere delle persone che potevano autofinanziarsi, ma non tutti si sono rivelati all'altezza della situazione, prima fra tutti io stessa che non ho saputo gestire il gruppo da me stessa formato, le riunioni per chiarire i malintesi non erano altro che atti d'accusa contro di me. Scopro che una persona in particolare era venuta solamente per la sua carriera professionale, ma cercava di distruggere tutto quello che si voleva creare, provocando con le sue critiche distruttive un clima di negatività e facendo annegare nel suo oceano anche gli altri. Il mio atteggiamento di fronte a questa deriva è stato quello di difendere il mio progetto contro tutto e contro tutti. Non mi è stato possibile salvare capra e cavoli anche se lo desideravo con tutto il mio cuore e per l’amore di portare a termine il mio progetto. Ma una sola persona mi ha sostenuto fino all’ultimo a varie riprese e grazie alla nostra collaborazione, insieme, abbiamo portato a termine il progetto e a questa persona dico: Grazie con la G maiuscola.
Al di là delle apparenze vecchio stile di "socialismo reale" di [http://www.lettera43.it/economia/macro/marinaleda-socialismo-scaccia-crisi_4367549619.htm Marinaleda], piccola cittadina di 2700 abitanti in Spagna, nella campagna andalusa in provincia di Siviglia, amministrata in modo esemplare con la Partecipazione Collettiva dei suoi cittadini, si legge:
+
Non sempre il progetto è stato intralciato dalla negatività delle relazioni fra i componenti dell’équipe, ma avvenimenti non dipendenti da noi hanno provato il sabotaggio. Prima la tempesta del 20 giugno che ha scoperchiato i tetti di alcune case, compresi quelli della guest house dove alloggiavo. Il 23 giugno un terremoto di magnitudo 5,7 ha provocato il crollo di molte case nei villaggi a pochi km da Luoshui, il villaggio dove abitavo. Con Ake e suo fratello sono andata a distribuire sacchi di farina, recipienti di olio di girasole e pacchi di té alle famiglie danneggiate, esperienza piena di emozioni che mi ha marcato per sempre. L'umanità e la solidarietà a cui ho assistito in quei giorni è commovente....e mentre scrivo ho ancora il magone... Per completare questo triste quadro mi è capitato anche un incidente finendo al pronto soccorso con cinque punti di sutura in testa. A questo punto sarei potuta ritornare a casa anticipando il mio ritorno, confesso che ne avevo tanta voglia, e invece sono rimasta. La mia tenacia e la mia determinazione a portare a compimento il progetto è stata al di sopra di tutto. Ma quello che maggiormente mi ha dato la forza di resistere a tutte queste avversità sono state le donne Moso, è stata la lorocalorosità, la loro affettuosità, la loro disponibilità, a sostenermi nei momenti più difficili, a farmi sentire parte della loro famiglia, con loro sono andata a lavorare il campo di patate, sono andata a raccogliere le piante che servivano da concime, con loro condividevo i pasti, sono sempre loro che mi hanno curato il mal di pancia con una pianta amarissima che vanno a raccogliere nelle montagne vicine e che riducono in polvere... Infine la sera dopo cena andavo assieme a loro a ballare fra donne nel cortile della casa di una di esse e quando è cominciato il ritiro spirituale hanno permesso che dormissi assieme a loro nelle loro capanne di legno con al centro un focolare scavato al suolo, sull’isola Liwubi, ritiro al quale hanno partecipato 25 dabu e in cui a giorni alterni bisognava osservare il silenzio e il digiuno. I rituali avevano tutti luogo nel tempio in cima alla collina ed erano condotti dai lama che recitavano i sutra al suono di campanelli, tamburi e cimbali. I rituali cominciavano alle sei del mattino, evitando così i turisti che purtroppo invadono l’isola tutti i giorni.Tutte mi invitavano a mangiare nelle loro capanne e io le aiutavo poi a lavare le scodelle con l’acqua che proveniva da un tubo di plastica fatto arrivare da non so dove. All’infuori delle giornate dove si osservava il digiuno e il silenzio e fuori dal tempio, le dabu mostravano il loro buon umore, la loro allegria e la loro voglia di stare in compagnia a raccontarsi le loro storie. Ogni mattina all’alba passava qualcuno a portarci burro fresco liquido e riso allo yogourt. Per il resto si arrostivano patate al fuoco e si bollivano delle verdure con riso. Dopo i giorni del digiuno la mattina arrivavano le giovani, le figlie delle dabu a portare da mangiare per le loro madri. Qui la gioia si triplicava. Si dormiva su delle stuoie di paglia dove ho visto saltare delle pulci e dove non ho chiuso occhio a causa delle zanzare nonostante le dabu si fossero date un gran da fare per fissare delle zanzariere. L’elettricità generata da un generatore comune faceva accendere le lampade la mattina dalle 5 alle 6 e la sera dalle 21 alle 22 e questo per 6 giorni consecutivi. L’ultimo giorno una grande festa è stata preparata al villaggio. In un angolo i lama con i loro sutra e gli strumenti musicali, in un altro una grande cesta dove la gente del villaggio versava cereali e cibo di ogni sorta e nel campo adiacente tutte le dabu che si adoperavano a fare dei mucchi di aghi di pino e rami per bruciarli poi in segno di purificazione. Questo è stato il mio ultimo giorno nella terra dei Moso.
"...''lo paragonano al presidente venezuelano Hugo Chavez, che indottrina il suo popolo dagli schermi di Ola presidente...''<br>
+
Prima di lasciare l’Europa avevo chiesto ad alcune persone cosa si aspettassero da questo documentario, ho cercato di accontentare tutti quanti trattando i vari aspetti che fanno delle cultura moso una cultura di pace, dalla spiritualità ai miti e leggende, dall’educazione all’economia, dal turismo al cambiamento etc etc. ma quello che mi premeva di più era mostrare l’assenza della violenza in un paese dove le donne sono le protagoniste familiari e sociali. Le riprese adesso sono finite, ci saranno delle belle immagini, delle belle persone e dei commenti interessanti, ma aspetto di fare trascrivere tutte le interviste dal cinese all’italiano come ho sempre fatto per non perdere una sola parola. Gli interpreti sono stati tutti/e molto bravi, ma spesso purtroppo capita che interpretano secondo parametri personali. Mi fido di più della traduzione scritta e fatta da traduttori professionali così come ho fatto prima di cominciare a scrivere il mio libro sulla cultura moso. Il lavoro di editing delle immagini e del montaggio sarà affidato anch’esso a dei professionisti, ma in mia presenza. Vi metterò al corrente quando il lavoro sarà ultimato. Adesso mi preparerò per la nascita della mia prima nipotina e per il matrimonio di mio figlio oltre che per un seminario e un’altra presentazione del mio libro sui Moso il mese di ottobre prossimo. Ringrazio tutte le amiche e amici che mi hanno sostenuto a distanza in questo particolarmente difficile momento.
''PARTECIPAZIONE COLLETTIVA. Ma il primo cittadino ricorda che, a differenza di Chavez, vuole tutti i cittadini presenti e partecipi a ogni decisione: «Per questo facciamo almeno 40 assemblee all’anno. Presentiamo il bilancio comunale e decidiamo insieme ogni progetto, anche fosse l’acquisto di una capra».''
+
"
+
Questo non "socialismo reale" ma "socialismo libertario". E c'è una bella differenza.
+
Dall'esperienza di Marinaleda emergono alcuni punti:
+
*c'è assoluto bisogno di una sinistra libertaria radicale
+
*la partecipazione che tale sinistra scatena è vincente
+
*l'organizzazione sociale ed economica è di tipo CLANICO (da clan). vedi come risolvono il problema degli alloggi. Esattamente come nelle tribù della Papuasia.
+
*bisogna organizzarsi su piccole comunità (poche migliaia) FEDERANDOSI per formarne di pù grandi
+
*la crisi non esiste ed è solo un problema del capitalismo e dei suoi meccanismi (dell'orrore) della riproduzione allargata del capitale (vedi [http://www.ortosociale.org/wiki2/index.php?title=Crisi Rosa Luxemburg])
+
*l'agricoltura è centrale e tutto dovrebbe essere in funzione della alimentazione. Il cibo è VITA, noi siamo esseri viventi, il nostro CORPO è un organismo cognitivo e riproduttivo che comprende al suo interno tutta la cultura, immanente nel costro corpo individuale.
+
 
+
Abbiamo bisogno di SINISTRA non autoritaria anti-capitalsitica.
+

Versione attuale delle 17:37, 14 dic 2012

Indice

5000 anni di storia

Il progresso ha realizzato meraviglie. Nello spazio di un secolo, gli abitanti del pianeta sono triplicati, le ricchezze prodotte sono state moltiplicate per venti, l'energia consumata è aumentata di trenta volte. Ma questo spettacolare exploit ha un rovescio della medaglia. Le risorse naturali si stanno esaurendo, alterando gli equilibri che regolano la vita. La crisi del sistema vivente coinvolge l'essere umano: per la prima volta nella storia, anche la nostra specie rischia l'estinzione. Non siamo capaci di rimpiazzare la natura, ma ci comportiamo come se potessimo farne a meno, chiamando questo atteggiamento progresso. Niente riesce a scalfire il consenso sull'ideologia progressista, che prevede un'incessante ed estenuante marcia in avanti, a colpi di crescita economica, innovazioni tecnologiche, urbanizzazione galoppante, mobilità senza freni e compulsione consumistica. La crescita infinita di beni e servizi, alla base dello sviluppo delle nostre società, non può proseguire, perché ci condurrebbe al disastro. Questa forma di progresso è incompatibile con la stabilità della biosfera ed è inaccessibile alla maggior parte della popolazione mondiale. L'umanità ha raggiunto il capolinea della strada intrapresa all'inizio della modernità. Se il nostro obiettivo è difendere la vita, dobbiamo scegliere senza esitazione la strada dell'evoluzione. Ma evolvere per andare dove? Non indietro, né in avanti, ma in una direzione diversa. Faremo in tempo?

Progetto Prometeo

Il progetto Prometeo (project Prométhée), è un progetto antropologicamente, sogiologicamente, storicamente fondato. Capace di creare il substrato necessario alla Democrazia Diretta e di mettere fine ad una Storia di 5000 anni di orrore.

Gli ispiratori del progetto

Sono nell'ordine:

Case matrifocali

Vi segnalo anche dei begli esempi di case "matricien" (matrifocali):

Una Società Parallela

  • Per creare una società parallela in tutta legalità: territori quasi-autonomi, mercati locali, valute locali, governo locale, la finanza senza tassi di interesse ... Per risolvere efficacemente tutti i problemi sociali: demografia, pensioni, precarietà e solitudine, conflitti familiari, il mercato del sesso ... Per creare solidarietà e coesione in una popolazione atomizzata che ha a che fare con gli stati e le banche, che sono le due tenaglie che riducono in schiavitù i popoli. Per ricreare dei corpi intermedi, fra l'individuo e la nazione, il cittadino e lo Stato, per ripristinare una società basata su clan modernizzata. Il Progetto Prometeo è immediatamente applicabile. Non si deve prendere il potere per essere completato. Basta creare un certo tipo di diritto associativo del 1901, un contratto di associativo di solidarietà, e confederare queste Famiglie Elettive Associative in una struttura piramidale, la Società confederale segmentale, gestito da una costituzione ispirata dalle democrazie tribali."" ......""Al di là del matriarcato e del patriarcato: Il progetto Prometeo è quello di definire la famiglia come una libera associazione (legge 1901), le Familie Elettive Associative. E una rivoluzione nel diritto di famiglia, e una radicale semplificazione di tutta la legislazione. La Familia Elettiva Associativea è compatibile con il nucleo familiare (mamma + papà: il matrimonio), ma può creare altre forme di nuclei familiari su misura per le aspirazioni individuali, assicurando nel contempo la coesione e la sicurezza, pertanto reciproca.
  • Nasce un nuovo tipo di diritto: il diritto associativo, distinto dai precedenti diritto di sangue e diritto del suolo (preoccupazione di Luigi di leggi semplice e chiare). Si supera l’antagonismo conflittuale e storico tra il dirittto di sangue (società gentilizia) et il diritto del suolo (società statalizzata), per cui il diritto associativo (società matricien) supererà questa divisione e metterà fine alla marcia distruttrice della Storia
  • Le Famiglie Elettive Associative costruiscono vari livelli, clan, tribù, nazioni, confederazioni di nazioni, IN MODO CONSAPEVOLE INTENZIONALE CRITICO RIFLESSIVO.
  • Nasce una società mutualista, autogestita, democratica, e unita nell'indipendenza

"matricien" è un termine preso dal Vico (forse si può tradurre con "matrifocale"). L'importanza di questo progetto è di agire in profondità nel tessuto famigliare, oggi cristallizato e in crisi. Il mio punto di vista è che si debba conoscere e utilizzare la antropologia culturale da cui derivano istituzioni come il matrimonio e lo stato e la sociologia critica per fondare nuovi/antichi processi di relazione umana. Questo progetto si inserisce in un movimento a TUTTI i livelli, famigliari, politici, economici, ambientali. Il fatto di far parte di famiglie elettive moderne associative ci permetterebbe di resistere e partecipare con determinazione e gioia alla transizione in atto. Si lega a progetti di ecovillaggi.

L'ultimo viaggio di Francesca Rosati Freeman tra i Moso Luglio 2012

Francesca Rosati Freeman: Sono di ritorno dal paese dei Moso dove sono stata quasi due mesi a cercare di realizzare un progetto che accarezzavo ormai da due anni: un documentario il più completo possibile sulla loro cultura. In realtà in questi ultimi sette anni la mia principale attività è stata orientata verso lo studio e la ricerca di valori altri che per finire hanno marcato la mia stessa vita. Il modo in cui sono stata attirata dalla società dei Moso, il mio primo piccolo documentario amatoriale del 2006, il mio primo libro "Benvenuti nel paese delle donne", le molteplici presentazioni cui sono stata chiamata a fare, i bellissimi incontri e le carissime amicizie che ho tessuto in questi ultimi anni, mi facevano pensare a qualcosa voluta da un altro qualcosa che non riuscivo a controllare. Mi lasciavo semplicemente trasportare dalla corrente e cercavo di approfittare di tutta questa grazia che mi pioveva addosso. Le persone più care però mi dicevano che era la mia passione per questo soggetto e tutti gli sforzi per farlo conoscere che meritavano di essere ricompensati. Il mio ultimo progetto-documentario invece è stato di difficile realizzazione. L'insufficienza di mezzi finanziari a mia disposizione mi ha fatto scegliere delle persone che potevano autofinanziarsi, ma non tutti si sono rivelati all'altezza della situazione, prima fra tutti io stessa che non ho saputo gestire il gruppo da me stessa formato, le riunioni per chiarire i malintesi non erano altro che atti d'accusa contro di me. Scopro che una persona in particolare era venuta solamente per la sua carriera professionale, ma cercava di distruggere tutto quello che si voleva creare, provocando con le sue critiche distruttive un clima di negatività e facendo annegare nel suo oceano anche gli altri. Il mio atteggiamento di fronte a questa deriva è stato quello di difendere il mio progetto contro tutto e contro tutti. Non mi è stato possibile salvare capra e cavoli anche se lo desideravo con tutto il mio cuore e per l’amore di portare a termine il mio progetto. Ma una sola persona mi ha sostenuto fino all’ultimo a varie riprese e grazie alla nostra collaborazione, insieme, abbiamo portato a termine il progetto e a questa persona dico: Grazie con la G maiuscola. Non sempre il progetto è stato intralciato dalla negatività delle relazioni fra i componenti dell’équipe, ma avvenimenti non dipendenti da noi hanno provato il sabotaggio. Prima la tempesta del 20 giugno che ha scoperchiato i tetti di alcune case, compresi quelli della guest house dove alloggiavo. Il 23 giugno un terremoto di magnitudo 5,7 ha provocato il crollo di molte case nei villaggi a pochi km da Luoshui, il villaggio dove abitavo. Con Ake e suo fratello sono andata a distribuire sacchi di farina, recipienti di olio di girasole e pacchi di té alle famiglie danneggiate, esperienza piena di emozioni che mi ha marcato per sempre. L'umanità e la solidarietà a cui ho assistito in quei giorni è commovente....e mentre scrivo ho ancora il magone... Per completare questo triste quadro mi è capitato anche un incidente finendo al pronto soccorso con cinque punti di sutura in testa. A questo punto sarei potuta ritornare a casa anticipando il mio ritorno, confesso che ne avevo tanta voglia, e invece sono rimasta. La mia tenacia e la mia determinazione a portare a compimento il progetto è stata al di sopra di tutto. Ma quello che maggiormente mi ha dato la forza di resistere a tutte queste avversità sono state le donne Moso, è stata la lorocalorosità, la loro affettuosità, la loro disponibilità, a sostenermi nei momenti più difficili, a farmi sentire parte della loro famiglia, con loro sono andata a lavorare il campo di patate, sono andata a raccogliere le piante che servivano da concime, con loro condividevo i pasti, sono sempre loro che mi hanno curato il mal di pancia con una pianta amarissima che vanno a raccogliere nelle montagne vicine e che riducono in polvere... Infine la sera dopo cena andavo assieme a loro a ballare fra donne nel cortile della casa di una di esse e quando è cominciato il ritiro spirituale hanno permesso che dormissi assieme a loro nelle loro capanne di legno con al centro un focolare scavato al suolo, sull’isola Liwubi, ritiro al quale hanno partecipato 25 dabu e in cui a giorni alterni bisognava osservare il silenzio e il digiuno. I rituali avevano tutti luogo nel tempio in cima alla collina ed erano condotti dai lama che recitavano i sutra al suono di campanelli, tamburi e cimbali. I rituali cominciavano alle sei del mattino, evitando così i turisti che purtroppo invadono l’isola tutti i giorni.Tutte mi invitavano a mangiare nelle loro capanne e io le aiutavo poi a lavare le scodelle con l’acqua che proveniva da un tubo di plastica fatto arrivare da non so dove. All’infuori delle giornate dove si osservava il digiuno e il silenzio e fuori dal tempio, le dabu mostravano il loro buon umore, la loro allegria e la loro voglia di stare in compagnia a raccontarsi le loro storie. Ogni mattina all’alba passava qualcuno a portarci burro fresco liquido e riso allo yogourt. Per il resto si arrostivano patate al fuoco e si bollivano delle verdure con riso. Dopo i giorni del digiuno la mattina arrivavano le giovani, le figlie delle dabu a portare da mangiare per le loro madri. Qui la gioia si triplicava. Si dormiva su delle stuoie di paglia dove ho visto saltare delle pulci e dove non ho chiuso occhio a causa delle zanzare nonostante le dabu si fossero date un gran da fare per fissare delle zanzariere. L’elettricità generata da un generatore comune faceva accendere le lampade la mattina dalle 5 alle 6 e la sera dalle 21 alle 22 e questo per 6 giorni consecutivi. L’ultimo giorno una grande festa è stata preparata al villaggio. In un angolo i lama con i loro sutra e gli strumenti musicali, in un altro una grande cesta dove la gente del villaggio versava cereali e cibo di ogni sorta e nel campo adiacente tutte le dabu che si adoperavano a fare dei mucchi di aghi di pino e rami per bruciarli poi in segno di purificazione. Questo è stato il mio ultimo giorno nella terra dei Moso. Prima di lasciare l’Europa avevo chiesto ad alcune persone cosa si aspettassero da questo documentario, ho cercato di accontentare tutti quanti trattando i vari aspetti che fanno delle cultura moso una cultura di pace, dalla spiritualità ai miti e leggende, dall’educazione all’economia, dal turismo al cambiamento etc etc. ma quello che mi premeva di più era mostrare l’assenza della violenza in un paese dove le donne sono le protagoniste familiari e sociali. Le riprese adesso sono finite, ci saranno delle belle immagini, delle belle persone e dei commenti interessanti, ma aspetto di fare trascrivere tutte le interviste dal cinese all’italiano come ho sempre fatto per non perdere una sola parola. Gli interpreti sono stati tutti/e molto bravi, ma spesso purtroppo capita che interpretano secondo parametri personali. Mi fido di più della traduzione scritta e fatta da traduttori professionali così come ho fatto prima di cominciare a scrivere il mio libro sulla cultura moso. Il lavoro di editing delle immagini e del montaggio sarà affidato anch’esso a dei professionisti, ma in mia presenza. Vi metterò al corrente quando il lavoro sarà ultimato. Adesso mi preparerò per la nascita della mia prima nipotina e per il matrimonio di mio figlio oltre che per un seminario e un’altra presentazione del mio libro sui Moso il mese di ottobre prossimo. Ringrazio tutte le amiche e amici che mi hanno sostenuto a distanza in questo particolarmente difficile momento.

Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti